person Pubblicato da: Monica NDG list in: Ispirazioni data: favorite Visite: 871

Come arredare un monolocale in 5 punti

Come arredare un monolocale

Tutti i segreti per arredare un monolocale in 5 punti

Se arredare una proprietà grande è arduo a causa degli spazi ampi difficili da riempire, sicuramente per gli ambienti ristretti come un monolocale la prova è ancora più dura. La paura di creare uno spazio caotico è comune ma con un po’ di ingegno e qualche accorgimento possiamo realizzare un ambiente in cui l’aggettivo angusto diventi un lontano ricordo. Vediamo insieme come arredare un monolocale con cinque step.

I colori sono importanti

La psicologia ci insegna come i colori siano in grado di stimolare determinate percezioni nell’essere umano. Soffermiamoci sulla scelta del colore adatto per valorizzare l’interior design di casa. In questo caso il nostro obiettivo è quello di aumentare la percezione del campo visivo, pertanto l’opzione perfetta è rappresentata dai toni chiari. Salvia, salmone, bianco, azzurro sono tutte sfumature che oltre a scatenare precise sensazioni contribuiscono ad amplificare lo spazio visivo del monolocale.

Odore di luce

L’illuminazione di un monolocale rappresenta una delle scelte più importanti poiché risulta  necessaria una perfetta fusione tra la luce naturale e quella artificiale. Prediligere applique e lampade da terra favorisce un light design diffuso e non centralizzato. La selezione di un lampadario potrebbe accentuare la percezione di uno luogo fisico stretto pertanto è sconsigliabile per i monolocali . Al contrario le lampade da terra risultano essere perfette per illuminare gli angoli bui oltre ad aggiungere colore e vitalità

La profondità degli specchi

Probabilmente il complemento d’arredo che più di tutti può aiutarci nell’arredamento di un monolocale è proprio lo specchio. Un ornamento capace non solo di definire una nuova spazialità di una stanza, ma anche capace di aggiungere una nota estetica. I modi di inserire uno specchio coerentemente con gli altri elementi d’arredo sono molteplici e variano anche in base all’ambiente in questione. Nella camera da letto può essere posizionato sopra la cassettiera o anche direttamente sul pavimento; in salotto non c’è posto migliore della parete a cui poggia il divano. Molto dipende dalla pianta dell’abitazione, ma se percepite che un locale come angusto spesso gli specchi possono risolvere il problema.

Espandere i confini

Dividere la zona notte dalla giorno è un tema abbastanza diffuso per chi vive all’interno di un monolocale. Ricorrere a pannelli o pareti in cartongesso rischierebbe di contribuire a creare un senso di claustrofobia. Dato che il nostro intento è suddividere senza compromettere la superficie a disposizione nel nostro arredamento, la soluzione più idonea è servirsi di pareti o porte scorrevoli in vetro in quanto consentono una divisione degli spazi che non ostacola il campo visivo e lasciando libero il passaggio della luce.

Camere da letto tascabili

Se non siete amanti dei letti a scomparsa o dei divani letti, un letto contenitore è ideale per ottimizzare le superfici nella propria camera da letto.

Nel caso in cui il monolocale disponga di soffitti alti, sviluppare un soppalco permette di sfruttare tutta la stanza. Grazie a questa soluzione la privacy verrà mantenuta e lo spazio sottostante potrà essere utilizzato per un piccolo ufficio o per una cabina armadio. 



Domenica Lunedi Martedì Mercoledì Giovedi Venerdì Sabato Gennaio Febbraio Marzo Aprile Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre Ottobre Novembre Dicembre

Nuovo Registro conti

Hai già un account?
Entra invece O Resetta la password